Skip to content Skip to footer

Come aprire un’attivita’ in USA. Il visto E2

Se siete imprenditori o aspiranti tali con l’idea di aprire un vostro business negli USA , il visto E2 e’ l’opportunita’ che fa per voi.

Questo visto e’ il cosiddetto visto da investitore (o “Treaty Investors”, detto in inglese) e l’esempio piu’ classico e’ quello di chi vuole aprire un ristorante, una gelateria, ma non e’ certo limitato a questi due soli esempi. Deve applicare per il visto E2 chi vuole:

  • Aprire un’attivita’ autonoma in USA

  • Aprire un’attivita’ in franchising in USA

  • Rilevare un’attivita’ gia’ esistente in USA

Per ottenere questo visto ci sono due condizioni:

  • Un investimento economico sostanzioso

  • Un business plan

Per quanto riguarda l’investimento monetario, non c’e’ una cifra fissa stabilita dalla legge. Sebbene la cifra minima sia spesso attorno ai 100mila dollari, l’USCIS non stabilisce un numero a priori. Sta piu’ all’abilita’ dell’imprenditore immaginare un investimento adeguato al proprio piano d’azione e ai suoi obiettivi.

L’USCIS valutera’ la domanda per questo visto basandosi anche su fattori come costo del lavoro e della vita nella determinata contea e regione degli Stati Uniti in cui questo progetto verrebbe lanciato, oltre ovviamente al Business Plan.

Quest’ultimo rappresenta una parte cruciale dell’applicazione per il visto, perche’ dimostrera’ la fattibilita’ del progetto. Certamente un business plan chiaro e che include molti numeri sara’ meglio di un qualcosa di generico.

Per quanto riguarda l’investimento per chi intende rilevare un’attivita’ gia’ esistente, la cifra sara’ semplicemente quella richiesta da chi vende.

Ogni anno vengono approvate una media di 43,000 E2 visa dall’USCIS, ma quello che colpisce ancora di piu’ e’ che il 90% di queste domande vengono approvate.

Insomma, questi dati suggeriscono che un imprenditore o aspirante tale pronto a investire il denaro necessario e a presentare un business plan realistico avra’ ottime possibilita’ di avere il visto E2 approvato.

Sebbene possa essere molto competitivo, il mercato americano offre sempre opportunita’ interessanti e spesso piu’ stimolanti che in altri Paesi.

Serve certamente molta organizzazione a chi punta a ottenere un visto E2. Tra queste azioni importanti da compiere, fondamentale e’ svolgere un esercizio strategico sulla localita’ in cui questo business possa essere lanciato con successo.

L’America infatti e’ un mercato immenso e molto variegato al suo interno. Ci sono cinquanta stati diversi, ciascuno con regolamentazioni diverse e ciascuno con tipi di abitanti (e quindi potenziali clienti) diversi. Se ti interessa valutare la tua idea e discutere tutto quello che devi considerare per questo ambizioso progetto, puoi cominciare guardando questo mini corso che da anche accesso a una first consultation gratuita con un avvocato di immigrazione.Inoltre, questo visto si puo’ richiedere solo all’ambasciata americana in via Vittorio Veneto a Roma. L’E2 non e’ un visto di cui si occupano i consolati di Milano, Napoli e Firenze.

Per ottenerlo e’ fondamentale affidarsi a un avvocato di immigrazione. L’avvocato, con la sua esperienza, garantisce che tutte le informazioni richieste dall’USCIS vengano fornite in modo che l’imprenditore possa ottenere il visto e recarsi negli Stati Uniti per viverci legalmente amministrando il proprio business.

Infine, questo visto non va confuso con l’E5, che peraltro richiede un investimento economico ben maggiore.

Vuoi aprire un’attivita’ in USA? Contattami!