Skip to content Skip to footer

Gli USA riaprono le frontiere ai turisti

All’inizio di novembre gli Stati Uniti rimuoveranno le restrizioni imposte ai cittadini europei da oltre un anno e mezzo. La notizia tanto attesa e’ stata divulgata nelle prime ore di oggi dal Financial Times ed e’ stata subito ripresa dai media americani.

L’annuncio e’ stato dato da un funzionario della Casa Bianca questa mattina.

Quali sono quindi le nuove regole? Occorrera’ avere fatto il vaccino anti Covid-19 (entrambe le dosi, salvo J&J) e mostrarne la prova prima di salire sull’aereo. Inoltre, i passeggeri dovranno sottoporsi a Covid-19 test nei tre giorni precedenti la partenza e mostrare la prova di test negativo. L’US Centers for Disease Control and Prevention (CDC) obblighera’ anche le compagnie aeree a creare un sistema di contact tracing per i viaggiatori in arrivo in America: queste informazioni includono indirizzo email e numero di telefono, con l’obiettivo di poter rintracciare i viaggiatori nei 30 giorni seguenti, se necessario.

Ancora da stabilire quali vaccini anti-Covid verranno accettati da parte del CDC, che dovra’ fornire raccomandazioni in merito. Il problema principale e’ il fatto che il vaccino Astrazeneca, largamente usato in Europa, non e’ invece mai stato approvato per “emergency use” negli Stati Uniti. Maggiori dettagli sono attesi da parte del CDC nei prossimi giorni.

Le restrizioni verranno rimosse a novembre per dare la possibilita’ al personale aeroportuale e alle compagnie aeree di preparsi a questa nuova normativa.

Finalmente dopo 20 mesi tante famiglie europee potranno riabbracciare i loro cari che vivono negli Stati Uniti e non potevano tornare in Italia a causa delle lunghe liste di attesa per appuntamenti al consolato. Ovviamente anche normali turisti europei potranno beneficiare di questa decisione.

Non si e’ arrivati a questa decisione di rimuovere le restrizioni dal nulla. Un grazie va a chi ha lavorato dietro le quinte furiosamente negli ultimi mesi e senza mai mollare, a cominciare dall’onorevole Fucsia Fitzgerald Nissoli (eletta al parlamento italiano nella circoscrizione Nord America), Francesca e Bruna dell’Instagram account BringUSHome, il congressman Brendan Boyle (Pennsylvania), Stan Veuger dell’American Enterprise Institute, e non solo.

Ci saranno insomma alcune restrizioni ma almeno i confini non sono piu’ chiusi. Se stai pianificando un viaggio negli States o vuoi trasferirti a lungo termine in America, puoi contattarmi qui. Il visto turistico per cittadini europei si chiama ESTA, non richiede l’appuntamento al consolato ed e’ valido per 90 giorni di permanenza sul territorio americano.