Skip to content Skip to footer

College USA: differenza tra OPT e CPT

Il mondo americano e’ fatto di acronimi e abbreviazioni, specialmente quando si tratta di immigration. Per chi viene negli Stati Uniti per l’universita’ (proprio in questi giorni ci sono le cerimonie di laurea, note come graduation), esistono due parole con cui e’ importante diventare presto familiare. Si tratta di OPT e CPT. Analizziamoli.

L’Optional Practical Training (OPT) non e’ un visto, bensi’ l’estensione del visto F (quello concesso agli studenti). L’OPT permette a uno studente internazionale di lavorare legalmente negli Stati Uniti per 12 mesi nel settore che ha studiato dopo la laurea conseguita in un college americano.  

Questa estensione si puo’ allungare di altri due anni al termine dei tradizionali dodici mesi se avete conseguito una laurea STEM. Per STEM si intende una laurea conseguita in una delle seguenti discipline: science, technology, engineering and mathematics.

L’OPT e’ uno dei principali motivi per cui fare il college negli Stati Uniti ha senso. Infatti, l’OPT rappresenta la vostra porta di ingresso legale nel mercato del lavoro americano. 

Solo studenti full time di un college americano possono fare domanda per l’OPT; se fate uno scambio di 6 mesi in un’universita’ USA (stile Erasmus in Europa) non potete richiederlo.

La richiesta viene fatta dalla vostra universita’ alcuni mesi prima della vostra graduation. Voi raccoglierete alcuni documenti, inclusa una foto tessera e le spedirete all’United States Immigration Service Center il quale dopo l’approvazione vi mandera’’ al vostro indirizzo l’Employment Authorization Card (I-765), il vostro lasciapassare per lavorare legalmente per un anno dopo la laurea.

Il Curricular Practical Training (CPT) permette agli studenti internazionali di un college USA di svolgere stage al di fuori del campus durante il loro periodo di studi (l’OPT invece inizia al termine dell’universita’, subito dopo la graduation, questa e’ la principale differenza).

Questo documento di una pagina viene generato dalla vostra universita’ (operazione molto veloce e snella) e vi dara’ la possibilita’ di fare stage pagati, al di fuori del campus.

Supponiamo che stiate studiando Finanza in un college americano e nell’estate tra il penultimo e l’ultimo anno di studi decidiate di fare uno stage in una banca d’investimento. Il CPT vi permette di svolgerlo e di essere pagati, in qualunque stato americano.

Quindi non e’ esattamente vero dire che uno studente internazionale che fa il college in America puo’ lavorare solo 20 ore settimanali e all’interno del campus. Il CPT infatti risolve questo problema.

Essere a conoscenza della possibilita’ del CPT e’ importante nel caso in cui un datore di lavoro disposto a farvi fare uno stage rifiuti di pagarvi in quanto non siete cittadini americani.

Il CPT vi mette in questo caso sullo stesso piano di uno studente americano.

Ricordatevi infinedi conservare i documenti del CPT quando il vostro stage e’ terminato. Se in futuro dovrete applicare per un visto lavorativo vero e proprio, l’United States Immigration Service Center richiedera’ di allegare copie di svariati documenti, incluso il CPT.